S. LUCIA SOPRA CONTESSE. DOMANI GIOVEDì 16 GENNAIO, LAVORI URGENTI ALLA RETE IDRICA ED EROGAZIONE SOSPESA SINO ALLE ORE 14


A causa di un intervento urgente alla condotta che alimenta l’abitato di Santa Lucia Sopra Contesse, domani giovedì 16 gennaio, sarà necessario sospendere il flusso idrico nella rete a partire dalle prime ore del mattino e sino a ultimazione della riparazione, che si stima possa impegnare i tecnici di AMAM sino alle ore 14.

Ogni aggiornamento sarà comunque fornito tempestivamente

E’ POTABILE L’ACQUA CHE PROVIENE DAL SERBATOIO DI SAN FILIPPO SUPERIORE

 Il responso delle analisi compiute, secondo protocollo, sui prelievi in uscita dall’impianto che serve l’abitato dell’omonimo villaggio, pone fine al prudenziale veto di utilizzarla per soli fini igienico-sanitari

Le analisi condotte, secondo protocollo di sicurezza, sulle campionature di acqua prelevate in uscita dal serbatoio “S. Filippo Superiore” hanno restituito valori di perfetta conformità agli standard di potabilità idrica.

Dunque cessa il prudenziale invito, rivolto da AMAM agli abitanti del Villaggio di San Filippo Superiore e della zona circostante il locale Cimitero, di non fare uso potabile dell’acqua immessa e distribuita attraverso la rete idrica cittadina, sino a buon esito delle campionature che sino ad oggi sono state effettuate, secondo il preciso protocollo di sicurezza e di tutela della salute pubblica.

FATTURAZIONE MASSIVA ENTRO IL PROSSIMO 31 GENNAIO PER CONSUMI REALI O STIMATI AL 31 DICEMBRE SCORSO. ECCO COME PAGARE QUANTO CONSUMATO

Tutti i cittadini interessati a fornire l’autolettura potranno comunicarla entro il mese corrente con l’APP K-READER e prepararsi ad interagire in modo smart anche per le ulteriori operazioni contrattuali e i pagamenti on line


Ancora uno step nell’attuazione del programma di innovazione tecnologica per la gestione dei contratti con l’utenza di AMAM che passa dalla completa migrazione delle banche dati al nuovo sistema informativo interattivo.
In particolare, dal 13 al 31 gennaio 2020, è in corso la fatturazione massiva di tutte le utenze con consumi reali e/o stimati al 31 Dicembre 2019.Gli utenti che vorranno comunicare le autoletture potranno effettuare le comunicazioni entro il mese di Gennaio con l’applicazione K-Reader, affinché i dati comunicati vengano utilizzati per questo ciclo di fatturazione. 


Interagire attraverso l’APP K-Reader è fondamentale per poter fruire dei servizi all’utenza resi da AMAM in modo agile, immediato, efficace, efficiente e senza aggravio di costi.

L’APP K-Reader può essere scaricata su smartphone. Su youtube il tutorial. Ecco il link: https://www.youtube.com/watch?v=KzRrEfoZ4ms


La fatturazione massiva dei consumi si rende necessaria per:
1.     Effettuare una prima fatturazione del nuovo sistema informativo alla stessa data per tutte le utenze.
2.     Comunicare ad ogni utenza il QR CODE per facilitare l’autolettura tramite APP K-Reader
3.     Comunicare ad ogni utenza la periodicità di fatturazione in base ai consumi degli anni precedenti (da un minimo di 2 ad un massimo di 6 fatture annuali)
4.     Inviare i nuovi bollettini PagoPa che identificano in maniera sicura e rapida il pagamento effettuato e che permettono la possibilità di pagare on-line tramite servizi WEB implementati in contemporanea.
5.     Inviare le istruzioni per il collegamento al portale WEB per avere accesso ai propri dati contrattuali e di fatturazione.
6.     Inviare le istruzioni per effettuare la voltura per tutte quelle utenze oggi non regolari con il contratto (inquilini con utenza intestata ai proprietari, eredi con utenza intestata a deceduti, nuovi proprietari con utenze intestate ai vecchi proprietari, etc). Ognuna di queste posizioni è obbligata entro 60 gg a volturare l’utenza onde evitare la rescissione del contratto non più regolare e la conseguente cessazione dell’erogazione idrica.

Novità nei sistemi di fatturazione ma anche nella regolamentazione dei pagamenti.

Le fatture avranno scadenza a 30 gg dalla data di emissione per i 15 gg successivi alla scadenza non verranno calcolati interessi per tardivo pagamento. 
La migliore riuscita di ogni cambiamento intrapreso ovviamente si riscontrerà nel medio periodo e dipende dall’adesione dell’utenza ai nuovi sistemi di gestione. Per questo, AMAM mette a disposizione i consueti canali di contatto al numero unico telefonico 090 3687711 e all’email urp@amam.it per ricevere chiarimenti o segnalare problematiche procedurali, indicando sempre codice di utenza e/o matricola del contatore e i propri dati anagrafici.

ATTIVO E GIA’ UTILIZZATO DA MOLTI UTENTI IL SERVIZIO DI AUTOLETTURA DEI CONTATORI IDRICI ATTRAVERSO UNA SEMPLICE APP. ECCO COME FARE

Un tutorial su youtube mostra come portare a termine la procedura, con la sequenza di conferme da effettuare sino a completamento: dalla registrazione del cittadino all’invio della foto del proprio misuratore dei consumi, alla validazione della lettura

 

Era stato annunciato nei mesi scorsi e, nell’ottica del piano di innovazione tecnologica al servizio dell’utenza, programmato dal CdA di AMAM, è stato attivato da alcune settimane il servizio di Autolettura dei contatori idrici.

Un cittadino su tre, fra quanti si recano in questi giorni agli Sportelli al pubblico, nella sede di Viale Giostra, chiede informazioni operative o ha già attivato e sperimentato con successo la comodità di interagire attraverso l’APP multimediale, fornendo la fotolettura dei propri consumi idrici.
La procedura è semplice e intuitiva e, per consentire di renderla fruibile anche da smartphone, è sufficiente Scaricare l’APP K-Reader per IOS ( i-phone) o ANDROID  (da PLAY STORE).

Occorrerà dunque registrarsi inserendo il proprio numero telefonico e il proprio Codice Fiscale, dando conferma ogni volta che la procedura lo richiederà (in particolare, l’APP chiede di utilizzare la fotocamera e le coordinate GPS).

Per poter pagare ciò che si è consumato, occorrerà inserire la matricola del contatore (digitando esattamente il codice riportato nella propria fattura AMAM), fornire la lettura reale con la foto che riporta in automatico anche la georeferenziazione del dispositivo di lettura, a conferma dell’ubicazione dell’apparecchio.

A completamento con successo del semplice iter, il sistema rilascerà una notifica sull’esito dell’autolettura. Alla successiva validazione della lettura, da parte del personale di AMAM, si riceverà un’ulteriore notifica.

K-Reader è l’APP scaricabile su smartphone che consente agli utenti di comunicare i propri consumi reali. Il tutorial video al link  https://youtu.be/TkWl-mGY4M4


Nelle prossime fatture sarà riportato anche un  QR code che faciliterà l’inserimento dei dati relativi al contatore: l’APP leggerà il QR code e l’utente dovrà semplicemente inserire la lettura dei consumi e la foto del proprio contatore.  

“L’avevamo annunciato e lo abbiamo realizzato – afferma il presidente di AMAM, Salvo PUCCIO– l’autolettura con APP fa parte del complesso di sistemi gestionali telematici che, sebbene comportino inevitabili sforzi nell’entrata a regime, presto riveleranno tutti i vantaggi della semplificazione delle procedure interne amministrative ma anche della grande comodità per i nostri utenti di effettuare operazioni semplici, anche da casa, per le quali un tempo occorreva recarsi agli sportelli di AMAM”.


Nelle prossime settimane partiranno pure gli ulteriori servizi di eGovernment a beneficio dell’utenza cittadina, ovvero la possibilità di effettuare pagamenti on line delle bollette o la domiciliazione bancaria con RID. Tutte e tre le funzionalità, consentiranno ai cittadini di poter pagare con maggiore comodità e trasparenza: solo per i consumi realmente effettuati e comunicati con foto del proprio contatore attraverso l’APP e, al tempo stesso, senza il timore di ritardi nei pagamenti e dunque aggravi di costo per morosità, talvolta dovuta a disguidi nella consegna postale delle fatture, potendo gestire i pagamenti attraverso home banking.

Ecco il link al video che descrive la procedura per l’invio della lettura contatore: https://youtu.be/TkWl-mGY4M4

INTERVENTI URGENTI ALL’IMPIANTO DI FIUMEFREDDO-TORREROSSA. GARANTITA L’EROGAZIONE IDRICA IN FORMA RIDOTTA

A causa della manutenzione straordinaria del sistema di pompaggio nella Centrale di adduzione, la distribuzione nella rete cittadina verrà sospesa, a partire dalle ore 15, nei giorni di martedì 7, mercoledì 8 e venerdì 10 gennaio. Giovedì 9 gennaio, sarà sospesa a partire dalle ore 12 e, dal prossimo sabato 11 gennaio, si tornerà gradualmente alla regolare erogazione.


I tecnici di AMAM al lavoro preso l’impianto di Fiumefreddo, per verificare e risolvere i guasti al sistema di pompaggio della Centrale di Torrerossa registrati il 27 dicembre (alla pompa n.2) ed il 5 gennaio (alla pompa 1).

Il fermo di due impianti sui cinque che consentono alla rete idrica di alimentarsi, nella fase di adduzione dell’acqua, comporta un minor flusso in approvvigionamento sicché è stato predisposto un piano di contingentamento che permetterà alla comunità messinese di non dover subire alcuna interruzione idrica per tempi lunghi, bensì soltanto una riduzione nei tempi di normale erogazione quotidiana.

Grazie agli interventi di manutenzione dell’aprile 2019, che hanno permesso di poter contare su tutte e 5 le pompe presso l’impianto di Fiumefrddo-Torrerossa, quella che poteva essere un’interruzione dell’erogazione idrica di 48 ore si limiterà a poche ore giornaliere di riduzione.

La distribuzione nella rete cittadina verrà sospesa, infatti, a partire dalle ore 15, nei giorni di martedì 7, mercoledì 8 e venerdì 10 gennaio. Giovedì 9 gennaio, invece, per effettuare interventi già programmati, per l’adeguamento alle direttive europee in materia di sicurezza, l’erogazione sarà sospesa a partire dalle ore 12, mentre dal prossimo sabato 11 gennaio si tornerà alla regolare distribuzione secondo gli orari della consueta programmazione.

“Ci scusiamo con tutti gli utenti per i disagi ancorché contenuti a poche ore, tuttavia, oggi possiamo contare sulla buona programmazione degli interventi effettuati ad aprile scorso: se non avessimo messo in funzione le altre 2 pompe, in questa circostanza, a causa di due guasti alle pompe n.1 e n.2 – spiega il presidente di AMAM, Salvo PUCCIO ci ritroveremmo con una sola pompa a disposizione (ovvero con erogazione di sole 3 ore per 5 giorni) e per giunta a ridosso degli interventi di adeguamento programmati per il 9 gennaio che già prevedevano una limitazione oraria a partire dalle ore 12:00″.

In queste giornate, si ottimizzeranno i lavori sulle reti e saranno effettuati altresì interventi di limitazione delle perdite sull’acquedotto di Fiumefreddo, in territorio di Ali Terme.

Ogni ulteriore aggiornamento sarà comunicato tempestivamente.

DOMATTINA, DOMENICA 22 DICEMBRE, LAVORI URGENTI SULLA CONDOTTA CHE ALIMENTA IL SERBATOIO “SANTO”. EROGAZIONE SOSPESA SINO ALLE ORE 12

Ecco le zone interessate: Villaggio Aldisio, Villaggio Santo, Fondo Fucile e via del Santo  

Individuata una grossa perdita lungo la condotta che alimenta il serbatoio Santo che serve la popolosa zona di Villaggio Aldisio, Villaggio Santo, via del Santo e Fondo Fucile.

I tecnici sono già al lavoro e l’intervento di ripristino è stato programmato per la prima mattina di domani domenica 22 dicembre, sino alle ore 12. Pertanto sarà necessario sospendere l’erogazione idrica in tutta la zona interessata.

Ogni eventuale aggiornamento, come di consueto, sarà tempestivamente comunicato.

Grazie sin d’ora a tutti gli utenti per la comprensione.

AVARIA CAUSATA DA FURTO E SABOTAGGIO AL SERBATOIO DI SAN FILIPPO SUPERIORE. SINO A COMPLETAMENTO DELLA RIPARAZIONE, L’ACQUA NON POTRA’ ESSERE UTILIZZATA PER FINI POTABILI

La zona interessata va dall’abitato dell’omonimo villaggio della zona sud sino al locale Cimitero

A causa di un’avaria all’impianto di clorazione, che consente il trattamento dell’acqua  raccolta nel serbatoio “S. Filippo Superiore” prima che venga distribuita in rete nel locale omonimo villaggio, è sconsigliato l’uso della stessa per fini potabili in tutto l’abitato di S. Filippo Superiore fino all’altezza del cimitero. 

I tecnici di AMAM sono già al lavoro per ripristinare la funzionalità dell’apparecchiatura che consentirà di tornare alla normale fruizione dell’acqua erogata attraverso rete idrica anche per usi potabili.

Sino a nuova comunicazione, dunque, si raccomanda l’utilizzo solo per fini igienico-sanitari.

LE ANALISI DELL’ACQUA DI POZZO RITIRO HANNO DATO ESITO NEGATIVO: L’ACQUA PUO’ ESSERE UTILIZZATA ANCHE PER USI POTABILI

Per precauzione era stata consigliato solo l’impiego per ragioni igienico-sanitarie negli abitati di San Michele, Reginella, Ritiro e nelle zone alte di via Palermo e viale Giostra, nei villaggi di Castanea e delle Masse

Buono l’esito delle analisi condotte sulle campionature che, da protocollo, sono state effettuate nelle tubazioni di Pozzo Ritiro, a seguito del fenomeno dell”acqua torbida’ riscontrato nei giorni scorsi, benché l’acqua fosse tornata presto visibilmente limpida.

Vista la conformità dei valori, dunque, si autorizza l’utilizzo sia per uso igienico-sanitario ma anche potabile dell’acqua.

“Ringraziamo i cittadini per la pazienza nella sopportazione dei disagi – afferma il presidente di AMAM, Salvo PUCCIO– che in casi come questi, cedono il passo all’esigenza di massima tutela della salute pubblica”

POZZO RITIRO, ESITI DELLE ANALISI. L’ACQUA PUO’ ESSERE UTILIZZATA PER USI SANITARI. PER LA POTABILITA’, IN VIA CAUTELATIVA, SI ATTENDE IL REFERTO DELLE CAMPIONATURE DI OGGI

Le zone interessate: San Michele, Reginella gli abitati di Ritiro e  zone alte di via Palermo e viale Giostra, i villaggi di Castanea e delle Masse


A seguito del fenomeno dell’acqua ‘torbida’, riscontrato ieri, è stato acquisito un primo esito ‘negativo’ dei valori riguardo alle campionature effettuate nell’immediatezza del fenomeno che si è palesato e sui primi rilievi effettuati, sicché sono stati esclusi fattori inquinanti.

In attesa di ricevere anche gli esiti delle analisi più complete, quelli che richiedono il decorso di 48 ore dalle campionature che oggi sono state effettuate sull’acqua in uscita, ormai ‘limpida’, si autorizza l’utilizzo solo per usi igienico-sanitari ma non potabili dell’acqua, sino a diversa comunicazione.

Ogni aggiornamento, come sempre, sarà fornito tempestivamente 

DANNI MALTEMPO. COMPLETATI I TRE INTERVENTI PIU’ URGENTI. DA QUESTO POMERIGGIO L’EROGAZIONE IDRICA TORNA REGOLARE IN TUTTA LA CITTA’

Nella serata di ieri, i tecnici hanno ripristinato la condotta di Via Palermo che ha consentito la distribuzione idrica nell’area servita dal serbatoio ‘San Licandro’. Riparata oggi anche la linea elettrica al servizio dell’impianto ‘Trapani’, che alimenta la vasta area adiacente. Scoperta in mattinata una grossa perdita sulla condotta da 600 millimetri che rifornisce la zona nord: la riparazione è stata appena ultimata e l’acqua è già in rete

Al lavoro ininterrottamente per riparare i danni causati dall’eccezionale ondata di maltempo che ha funestato Messina, i tecnici di AMAM hanno completato i tre interventi più urgenti, per garantire il regolare approvvigionamento idrico in tutta la città.

Già nella serata di ieri, era stata completata la sostituzione della condotta esplosa nella via Palermo, che aveva comportato la sospensione dell’erogazione in rete, con la chiusura momentanea del serbatoio ‘San Licandro’, in una vasta porzione della città, ovvero nelle zone di Viale Aranci, Via Seminario estivo, Rione Ogliastri, via Manzoni, piazza Martiri D’Ungheria, Villa Lina e la zona adiacente la Chiesa S. Domenico, nelle quali, una volta ripristinata la linea, l’acqua è tornata a scorrere già in nottata.

le porzioni della tubazione ammalorata rimossa in serata

Riparata questa mattina anche la linea elettrica che forniva energia all’impianto che serve il serbatoio ‘Trapani’, è tornata dunque regolare la distribuzione idrica nelle zone servite dallo stesso: la popolosa zona che va da Fondo Galletta al Torrente Trapani.

Nella prima mattinata di oggi, il terzo guasto che ha impegnato i tecnici in un lavoro di ripristino urgente e inatteso: in zona Camaro la rottura della tubazione da 600 millimetri di diametro, che serve la zona centro-nord della città, ha richiesto la momentanea sospensione della distribuzione idrica per consentire gli impegnativi lavori di ripristino. 

Appena conclusa la riparazione, l’acqua sta già scorrendo in rete e dunque la distribuzione sta tornando a regime.

Restano in corso gli ulteriori interventi nel resto della città, per l’espurgo di pozzetti fognari intasati e la riparazione delle numerose perdite segnalate in queste ore dai cittadini o rinvenute dai tecnici durante l’attività esterna.

“Abbiamo dovuto dare priorità agli interventi che hanno richiesto un disagio per vaste aree abitate – ha commentato il presidente di AMAM, Salvo PUCCIO – ma via via sistemeremo anche le altre criticità riscontrate in tutta la città e nei villaggi. Grazie a tutti per la comprensione e la pazienza”