GIOSTRA, RIPARATO IN 24 ORE IL TUBO SU CUI E’ STATA COSTRUITA LA CASETTA ABUSIVA

La Presidente Bonasera e l’Assessore Calafiore danno atto dell’intervento immediato di AMAM e Comune: “Non si poteva scavare subito per riparare la perdita della condotta e il Comune ha proposto l’ospitalità temporanea presso Casa Serena per gli abitanti, tuttavia rifiutata”

Riparata questa mattina, con un intervento risolutivo dei tecnici di AMAM, la condotta che ieri aveva subito una rottura, facendo riversare copiose quantità di acqua nell’abitazione abusiva di una famiglia in via Sacro Cuore di Gesù, nel rione di Giostra, propagatasi anche ad abitazioni vicine.

Alla chiamata degli abitanti, ieri mattina, era seguito l’immediato intervento di AMAM sui luoghi, dopo circa venti minuti dalla segnalazione.
Vista la complessità della situazione, tuttavia, i tecnici hanno potuto adottare solo una soluzione ‘tampone’, rinviando al giorno successivo il delicato intervento di scavo.

“La casetta abusiva in cui ieri si è verificato l’allagamento – precisa la Presidente di AMAM, Loredana Bonaseraè stata costruita sulla tubazione. Sicché i nostri tecnici non avevano i mezzi per poter effettuare immediatamente lo scavo ed eseguire la riparazione ma ‘solo’ arrestare il flusso d’acqua per mettere in sicurezza le famiglie interessate – spiega Bonasera oltreché accertarsi che i residenti della ‘casetta’ avessero comunque provviste idriche sufficienti ad attendere la riparazione, rinviata di 24 ore, come è infatti avvenuto questa mattina”

Sulla corretta ricostruzione dei fatti, poi, interviene anche l’Assessore ai Servizi Sociali, Alessandra Calafiore che precisa l’immediata attivazione della risposta di aiuti da parte del Comune: “Appena siamo stati avvisati della situazione e dei possibili problemi che sarebbero potuti sorgere per le persone che vivevano nelle ‘casette abusive’ allagate, abbiamo subito proposto a tutti i residenti che avevano lamentato disagi di spostarsi a Casa Serena, per essere ospitati per il tempo necessario a riparare la tubazione e a ripristinare i luoghi in modo vivibile. Tuttavia, però – evidenzia con rammarico l’Assessore Calafiore le famiglie interessate non hanno inteso aderire”.

“Ci duole osservare – concludono la Presidente di AMAM, Bonasera e l’Assessore Calafiore che, nonostante gli sforzi immediati profusi, alla ricerca di soluzioni utili, anche in giorno festivo, in costante contatto Comune e AMAM, non si dia atto di questa immediatezza di risposta degli enti e si evidenzi, piuttosto, solo una parziale verità, quella del disagio abitativo nella zona, che nessuno disconosce e che imporrà senz’altro soluzioni radicali”.

ZONA NORD, OGGI GIOVEDì 17 GIUGNO, SOSPESA SINO AL POMERIGGIO L’EROGAZIONE IDRICA PER LAVORI URGENTI ALLA CONDOTTA

Una grossa perdita ha costretto da qualche ora i tecnici di AMAM a interrompere la distribuzione nelle zone che vanno dalla Salita Papardo sino a Ganzirri, Torre Faro, Faro Superiore e villaggi costieri, per consentire la riparazione della tubazione principale, da trecento millimetri, che alimenta il Serbatoio di Torre Faro e serve tutti gli abitati viciniori

ZONA OSPEDALE PIEMONTE, INTERVENTO URGENTE PER RIPARARE UNA GROSSA PERDITA

Questa mattina, sabato 12 giugno, i tecnici di AMAM stanno lavorando per ripristinare la condotta che serve l’area compresa tra l’Ospedale Piemonte, Fondo Pugliatti,via Palmara,via del Santo, Salita Contino,vico Ghisone ed un tratto del viale Europa e della via Catania. Per questo, sino al completamento dell’intervento urgente, occorrerà sospendere momentaneamente l’erogazione.

ACQUEDOTTO SANTISSIMA, MERCOLEDI’ 9 GIUGNO LAVORI IN CORSO NELLA ZONA SUD E MOMENTANEA SOSPENSIONE IDRICA

Per consentire le opere di allestimento di un nuovo impianto industriale, domani occorrerà interrompere l’erogazione idrica nelle zone di S. Stefano Briga, S. Stefano Medio, Santa Margherita, Galati Santa Lucia, Galati Sant’Anna, San Filippo Inferiore, San Filippo Casalotto, Santa Lucia Sopra Contesse, Gescal e Bordonaro Inferiore

Programmati per domani, mercoledì 9 giugno i lavori di innesto alla rete idrica di un nuovo insediamento produttivo nella zona Sud della Città che comporteranno dunque, a cura e spesa della ditta proprietaria, di spostare il tracciato dell’Acquedotto Santissima di pochi metri, sempre all’interno del proprio lotto, con analoga tubazione in acciaio da 500 mm.

Per questo, di concerto con i tecnici di AMAM si è convenuto di intervenire nella giornata di domani, a partire dalle ore 9:30 e per circa 8 ore, e si renderà necessario sospendere l’erogazione idrica per il tempo necessario a completare i lavori.  Ad operazioni ultimate, il flusso d’acqua tornerà con immediatezza alla normale efficienza di erogazione.


Le zone interessate dai possibili disagi saranno: S. Stefano Briga, S. Stefano Medio, Santa Margherita, Galati Santa Lucia, Galati Sant’Anna, San Filippo Inferiore, San Filippo Casalotto, Santa Lucia Sopra Contesse, Gescal e Bordonaro inferiore.

‘S’ COME SUBITO… AMAM HA GIA’ RESTITUITO ALLA CITTA’ DI MESSINA LA SUA ESSE VANDALIZZATA SOTTO LA FONTANA DI PIAZZA STAZIONE

La Presidente, Loredana BONASERA: “Ancora una volta e in meno di ventiquattr’ore, abbiamo riparato i guasti con tempestività, grazie alla buona volontà e all’impegno dei nostri tecnici, che hanno eseguito la riparazione all’interno dell’officina aziendale e ricollocato con immediatezza la lettera, come nuova”

Nelle foto: in alto, la Fontana tornata al suo splendore; in quelle laterali, i tecnici di AMAM a lavoro per ricollocare la lettera riparata; qui su, l’omaggio del Sindaco Cateno DE LUCA, questo pomeriggio, per l’impegno profuso da AMAM, nell’azione continua al servizio della città, alla presenza del Presidente dell’Azienda, Loredana BONASERA e dell’ex Presidente, Salvo PUCCIO

VANDALI NELLA NOTTE CONTRO LA FONTANA DI PIAZZA STAZIONE

La presidente Bonasera: “Ancora un atto deplorevole, contro la nostra città, per cui AMAM sta già ponendo rimedio con i suoi tecnici”

La fontana al centro di Piazza Stazione, così come è apparsa questa mattina

Dopo il danneggiamento della Fontana Senatoria, a fianco del Palazzo del Municipio, avvenuto nei giorni scorsi, questa notte, i vandali si sono accaniti sulla Fontana di Piazza Stazione, che AMAM ha ripristinato due anni fa, dopo tanto abbandono, per dare ai cittadini  un angolo verde di decoro e vivibilità e offrire ai turisti, che numerosi raggiungono la città dello Stretto, un segno di benvenuto e dignità civica sobrio e lindo, con giochi d’acqua.


Questa mattina, su segnalazione degli abitanti della zona, i tecnici di AMAM sono dunque accorsi per verificare l’azione vandalica e porre subito rimedio per il ripristino della funzionalità degli impianti idraulico e di illuminazione danneggiati.

“Ancora un atto deplorevole, contro la nostra città – ha appena commentato la presidente di AMAM Loredana BONASERA –  per cui l’Azienda sta già intervenendo con i suoi tecnici. Certo – conclude – dispiace registrare comportamenti come questi che offendono la città e anche i tanti cittadini che hanno rispetto per la cosa pubblica e si indignano per atti che distruggono il buono che ogni giorno cerchiamo di costruire insieme per il bene di tutti”

LA FONTANA SENATORIA, ACCANTO AL MUNICIPIO, VANDALIZZATA DUE GIORNI FA, OGGI E’ STATA RIPRISTINATA E RESTITUITA ALLA CITTA’


Il presidente Bonasera e il CDA: “Atti come questo sono un’offesa al decoro di Messina e anche alla fatica di AMAM che, ogni giorno, lavora duramente per rendere un servizio efficiente e riparare i guasti inevitabili e fortuiti alla rete idrica e agli impianti”

E’ stata vandalizzata nella notte tra il 18 e il 19 maggio scorso ma, questa mattina, la Fontana Senatoria, che campeggia nella piazzetta laterale del Municipio e si affaccia sulla via Consolato del Mare, è tornata al suo splendore monumentale, grazie al tempestivo e accurato lavoro dei tecnici di AMAM.

L’impianto vandalizzato, così com’è stato trovato dai tecnici di AMAM, ieri mattina

L’antica e grande tazza marmorea, realizzata su progetto e disegno di Giacomo Maffei e che prende il suo nome dai senatori che nel 1619 ne vollero la realizzazione -sicché di essi porta ancora i nomi scolpiti all’interno dei cartigli che decorano il suo bordo –  è una delle fontane cittadine che AMAM gestisce e che ha via via restituito alla funzionalità e anche all’arredo urbano, al decoro civico, all’immagine di Messina, che è porta e biglietto da visita della Sicilia.

La Fontana Senatoria nuovamente attiva, grazie ai tecnici di AMAM, restituisce alla città i suoi giochi d’acqua e tanta storia

La manutenzione delle fontane monumentali ovvero la “Gestione dei servizi di manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti idrici di fontane ornamentali cittadine” costituisce un ulteriore servizio che il Comune di Messina ha affidato in house all’Azienda Meridionale Acque Messina che, giornalmente, vigila sulla piena efficienza di tutti i complessi ornamentali disseminati nel territorio cittadino, intervenendo laddove occorra, per ripristinare i guasti con i propri tecnici.

“Atti come l’oltraggio alla Fontana Senatoria – esprimono con biasimo la presidente Loredana BONASERA  e i colleghi del CDA, il vice presidente Roberto CICALA e il consigliere Salvatore RUELLO – sono un’offesa al decoro di Messina e anche alla fatica di AMAM che, ogni giorno, lavora duramente per rendere un servizio efficiente e riparare i guasti sulla rete. Ed è assurdo – concludono i vertici di AMAM – dover riparare i danni della mano dell’uomo che oltre a ledere l’immagine della città, sottrae preziose risorse tecniche, tempo e denaro che potrebbero ben essere impiegati per potenziare sempre più la qualità del servizio idrico integrato e risolvere problemi che derivano dalla normale usura degli impianti o da eventi straordinari”.


Intanto, gli uomini della Polizia Municipale stanno conducendo le indagini per individuare gli autori del gesto vandalico e attivare le relative azioni sanzionatorie. 

S. FILIPPO CASALOTTO, INTERVENTO URGENTE ALL’IMPIANTO DI SOLLEVAMENTO DEL LOCALE SERBATOIO CHE ALIMENTA LA RETE IDRICA DELLA ZONA. L’EROGAZIONE SARA’ SOSPESA, OGGI 20 MAGGIO, PER CIRCA TRE ORE IN TARDA MATTINATA

Le zone interessate dall’interruzione della distribuzione saranno anche  Contrada Baglio, San Giovannello e San Filippo Inferiore

Un guasto all’impianto di sollevamento al servizio del serbatoio zonale di San Filippo Casalotto costringerà questa mattina i tecnici di AMAM a intervenire per circa tre ore nella camera di manovra del sistema di pompaggio e dunque a interrompere l’erogazione idrica per il tempo necessario alla riparazione.

Il sistema di pompaggio su cui intervenire nell’impianto di San Filippo Casalotto

I lavori saranno effettuati in tarda mattinata di oggi giovedì 20 maggio e dovrebbero comportare circa tre ore di intervento a partire dalle ore 11, sicché occorrerà sospendere il flusso d’acqua in rete negli abitati di San Filippo Casalotto, Contrada Baglio, San Giovannello e San Filippo Inferiore.

A riparazione conclusa, l’erogazione verrà ripristinata regolarmente

Ai numeri di emergenza di AMAM, è sempre possibile segnalare eventuali situazioni che richiedano particolare attenzione o interventi a supporto per approvvigionamento idrico in via straordinaria